Messaggio
  • Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi altre informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

    Vedi Privacy Policy

Home / Azienda / Note Tecniche
A+ R A-
14 Gen

Parquet Note Tecniche

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Note Tecniche e cose da sapere sul parquet

Campionature esposte

Le campionature dei pavimenti in legno esposti presso il nostro showroom hanno un valore indicativo cosi' come le immagini fotografiche: il legno e' un materiale naturale, ogni tavola e' un' esemplare unico, per questo e' possibile riscontrare differenze cromatihe piu' o meno evidenti.

 

Le finiture dei nostri parquet sono costanti tra le varie partite di materiale e le stesse sono studiate in funzione di esaltare la naturalezza tipica del legno. Le caratteristica di pigmentazione/verniciatura dei nostri materiali fanno si che nel tempo lo stesso cambi l' aspetto cromatico, spesso in maniera evidente, per tale motivo inevitabilmente le campionature diventano indicative e non si possono considerare vincolanti. Il parquet, quando e' tratto in superfice con vernici pigmentate, esposto alla luce, attiva dei processi fotocromatici che combinati con gli estrattivi del legno lo portano nel tempo alle variazioni cromatiche che tendono a fargli assumere delle tonalita' piu' chiare e mielate. La durata di tale processo e' evidentemente in funzione della quantita' di luce che riceve e quindi raggiunge una maggiore stabilita' cromatica dopo un minimo di 6/8 mesi fino ad un massimo di 3 anni.

 

E' il piu' antico materiale da costruzione. Un materiale straordinario, una risorsa che si rinnova.

 

La colorazione di un pavimento in legno

La medesima specie legnosa puo' presentarsi con una forte variabilita' delle proprie caratteristiche, come ad esempio il colore: variazioni che sono strettamente legate all' area geografica di accrescimento. Il colore del legno puo' variare, nell' ambito della medesima specie, a causa nella presenza nel legno stesso delle sostanze estrattive, le quali vengono determinate nella loro colorazione dall' esposizione all' aria e alla luce. E' percio' un fattore del tutto fisiologico e naturale che con il passare del tempo il colore di un parquet venga modificato dagli agenti esterni. Un pavimento in legno caratterizzato da una finitura colorata con il trascorrere del tempo vedra' modificarsi la propria colorazione iniziale in modo direttamente proporzionale alla tonalita' della colorazione. Le specie legnose di origine tropicale sono per la loro natura maggiormente soggette alle alterazioni cromatiche, con evoluzioni tendenti alle tonalita' scure. Pertanto chi sceglie un pavimento in legno Afrormosia, iroko, doussie' deve tenere conto che ciascuna di queste specie e' esposta al fenomeno in maniera marcata. In particolare il doussie' subisce evoluzioni del colore originario a causa del fenomeno di ossidazione. Il teak, anch' esso di origine tropicale, con il passare del tempo e per effetto della luce tende a subire un processo di uniformazione del colore su tonalita' medio-chiare.

 

La struttura di un pavimento in legno

Chi sceglie un pavimento in legno formato da tavole di grande formato deve tenere presente che, a causa della tipologia di taglio necessaria per ottenere questo tipo di parquet ( taglio tangenziale ), possono essere piu' evidenti alcune leggere fratture in corrispondenza dei raggi midollari del legno. Si tratta di un fenomeno tipico del prodotto, che pero' puo' subire effetti piu' marcati nel caso il pavimento venga sottoposto agli effetti di condizioni climatiche particolari. Nei pavimenti che presentano lavorazioni di tipo strutturale ( spazzolatura, piallatura, seghettatura ) questo fenomeno in alcuni casi puo' creare la comparsa di sheggiature. Nelle finiture a poro aperto ( oil-uv e all' acqua ) e' bene tenere presente che i liquidi possono essere assorbiti dal legno, con il risultato di un' alterazione della colorazione originale con il passare del tempo. Si consiglia pertanto di utilizzare per la pulizia l' aspirapolvere e un successivo uso di un panno umido molto ben strizzato. Il pavimento in legno di rovere e di faggio sono caratterizzati da venature rigate oltre che la presenza di specchiature, visibili anche in caso di cui si scelga una finitura colorata. Piu' in generale va sottoliniato che deve essere considerata come un elemento di pregio e di ricercatezza e non un difetto del pavimento in legno la presenza di evidenze come le venature e specchiature.
 
La stabilita' di un pavimento in legno

il pavimento in legno prevede una struttura stabilizzante. Va pero' tenuto presente che umidita' e temperatura dell' ambiente nel quale e' posato possono influire sulla sua stabilita'  e causare delle variazioni dimensionali: lievi fessurazioni tra lista e lista e microfratture nelo strato nobile del legno sono le conseguenze piu' comuni di un' esposizione prolungata del pavimento ad un clima eccessivamente secco o eccessivamente umido. Per evitare tali inconvenienti e' necessario mantenere la temperatura ambientale compresa tra i 15° e i 22° centigradi e il livello di umidita' deve essere compreso fra il 45% e il 65% anche in locali non abitati.
 
La durezza di un pavimento in legno

Nonostante ogni specie legnosa per creare un pavimento in legno possieda tutte le caratteristiche di durabilita' e resistenza necessarie a questa funzione, gli urti improvvisi, le cadute di oggetti, i carichi concentrati possono causare danni superficiali.
 
L' importanza di una corretta manutenzione di un pavimento in legno

La finitura superficiale e' una protezione importante per il pavimento in legno, il continuo calpestio, se unito ad una scarsa e non corretta manutenzione periodica, puo' influire negativamente sull' aspetto del legno, che con il tempo potrebbe presentarsi opacizzato e impoverito. Per mantenere in buono stato il parquet e' consigliabile: rimuovere la polvere periodicamente, pulire abitualmente il pavimento con un panno ben strizzato, preventivamente inumidito con acqua e detersivo neutro per pavimenti in legno, trattare il pavimento periodicamente con prodotti protettiti a base di resine in dispersione acquosa autolucidanti e rilucidabili a secondo quanto indicato dai produttori. La periodicita' del trattamento protettivo dipende dall' intensita' dell' uso del parquet.
Ultima modifica Sabato 18 Febbraio 2017 13:14
Altro in questa categoria: « Privacy e Cookie

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Preventivo Gratuito

[email protected]

 

Qualche dubbio?

 

Vieni a trovarci..

Tutto quello che stai cercando...

Da noi lo troverai!!

 

Oppure contattaci

Tel. 0236558052

TEL. 3938512505

 

SHOW ROOM

 

VIA ASIAGO 101

MILANO

 

ORARI NEGOZIO

 

Lunedi 15 - 19

Martedi-Sabato

10:00 - 19:00 

Alcuni video direttamente dal nostro canale di Youtube